Saint Seiya Live Action

Il film dei Cavalieri dello Zodiaco

» Un live action su Saint Seiya in arrivo nel 2018? – considerazioni sulla serie da allora ad oggi

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under News Saint Seiya Live Action,Other live action on settembre 12, 2017

Sembra confermato l’adattamento live action dei Cavalieri dello Zodiaco.
Toei Animation sta collaborando con la società di Hong Kong ARGF – A Really Good Film Company per produrre un film tratto dalla serie.
Dovrebbe esserci anche la supervisione di Masami Kurumada, l’autore del manga da cui è iniziato tutto.
Mentre il film in computer grafica, La leggenda del Grande Tempio, era una sorta di reboot per il pubblico più nuovo questo film sembra voler prendere un pubblico più ampio “è per il nostro zoccolo duro di fan che ha sostenuto Seiya per 30 anni e per la nuova generazione di fan”, queste le parole dell’autore e disegnatore.

Yoshi Ikezawa e Joseph Chou di Toei Animation saranno i co-produttori del live action, insieme a Jeffrey Chan di ARGF.
Tim Kwok di Convergence Entertainment, Miguel Faura e Kozo Morishita di Toei Animation saranno invece i produttori esecutivo che affiancheranno Masami Kurumada.
La regia sarà di Tomasz Bagiński, polacco non solo regista ma anche animatore, fra le varie cose nominato all’Oscar per il corto Katedra e noto per aver realizzato le intro della serie di videogame The Witcher, entusiasta di essere stato scelto vista la sua passione per gli anime.
L’unica attrice che troviamo su una teaser locandina su imdb è l’inglese Rose Williams, nota per la serie Reigns.

Ma facciamo un passio indietro, e vediamo la storia di Saint Seiya – I cavalieri dello Zodiaco.

Il manga best seller di Masami Kurumada è stato uscito per la prima volta in Giappone pubblicato da Shūeisha sul settimanale Shōnen Jump dal 1986 al 1990.
In Italia invece fu pubblicato da Granata Press 1992 per poi avere diverse ristampe (come nel 2000 da Star Comics).

Il successo mondiale arriva con la serie animata, diretta e animata da Shingo Araki, che lungo i vari episodi ci porta dal Grande Tempio, ad Asgard, fino a Nettuno. Sbarcando in Italia con Odeon TV nel 1990.
Negli anni a seguire si vedrà l’uscita di diversi lungometraggi animati (OAV – original anime video) e del seguito che troviamo prima nella serie di Ade per poi proseguire con la serie Omega.

Vanno avanti anche tantissime altre serie parallele, sia anime che manga, che si svolgono prima, dopo o durante la serie classica, fra cui Episode G, Lost Canvas, Soul of Gold, ecc.. E nel frattempo, sin dagli anni ’80, parallelamente troviamo un boom del merchandising, con gadget di tutti i tipi, fra cui spiccarono su tutti i modellini, fino all’arrivo del musical.

Nel 2008 per la prima volta era stato annunciato un film in Live Action, cioè con attori in carne ed ossa, sui Cavalieri dello Zodiaco.
Una produzione di Hollywood:
Hopes from the stars (letteralmente “speranze dalle stelle”).
Erano stati scelti attori importanti, c’era anche Tom Welling (il protagonista di Smallville) nel cast.
Il progetto è stato successivamente accantonato, e non più riproposto.
Ed ecco che poco tempo dopo, nel 2011, vediamo nascere su youtube un live action indipendente, prodotto da piccole case di produzione, fra cui Dream Factory Studio, Margot Production e altre.
E’ stato scelto per la regia Carlo Grotti Trevisan, che ha anche interpretato il personaggio di Andromeda. Fra gli altri protagonisti troviamo Rita Rusciano, Jonny Triviani, Alessandro Bruzzesi, Damiano Verrocchi e Giulia Carla De Carlo.
Tutto è stato girato in economia, e nessuno dello staff si aspettava quel successo che è arrivato a seguire:
dai numerosi articoli, agli inviti ai festival, al Lucca Comics in cui ogni anno venivano invitati per essere intervistati e proiettare gli ultimi episodi usciti. Poi la serie è comparsa su imdb, su wikipedia, e così via. Rimanendo sempre su youtube, e realizzando diverse milioni di visite. Tanto che Carlo e il suo staff è stato contattato da Mediaset per mandarlo in onda serializzato sulle proprie reti (purtroppo nonostante gli annunci ufficiali persino su mediaset.it, per problemi di diritti – la serie rimane  no profit, la televisione no – fu bloccata la messa in onda).
Tutte le puntate furono unite in un unico film, che fu proiettato al Cartoon Club del Rimini Comics, dopo un grande evento dedicato ai doppiatori italiani della serie, in cui Ivo De Palma, Tony Fuochi, Andrea De Nisco e Danja Cericola si sono ritrovati insieme, in questa reunion unica nel suo genere, chiamata “Sotto le stelle di Seiya” e conclusa con la proiezione del live action.
Un altro grande successo di questo prodotto indipendente è stato vedere che in diverse serie ufficiali, su tutti omega Omega, ci sono diversi riferimenti proprio a questo live action, un po’ come se fosse stato tenuto in considerazione nella cronologia degli eventi, nonostante appunto sia un prodotto non ufficiale e no profit.
Probabilmente il punto di forza è stato di creare un prodotto fedele, sia dal punto di vista narrativo che registico. Spesso quando gli americani adattano un’opera che “non made in USA” il risultato è un’incognita: a volte realizzano ottimi lavori, altre volte tendono ad americanizzare prodotti con una cultura differente” queste le parole del regista, che nel frattempo negli anni a seguire ha diretto produzioni importanti, come il videoclip dell’ex vincitore di Sanremo, Povia “Stare bene“.
E Saint Seiya – I cavalieri dello zodiaco è un prodotto che nasce orientale, e quindi con tanti risvolti della loro mentalità, ma soprattutto con tantissime influenze della cultura ellenistica e in generale europea, e la fedeltà ai ritmi della serie originale ha probabilmente rappresentato il successo principale di questo live action, l’unico fin’ora uscito, sui Cavalieri dello Zodiaco, che potete vedere sul canale youtube della webseries.
Grande attesa e curiosità quindi per il nuovo live action, di cui ancora non abbiamo una data, ma che sicuramente non uscirà prima del 2018.

Fra le varie cose è stata annunciata anche una serie per Netflix sui cavalieri dello Zodiaco, che dovrebbe ripercorrere la serie fin dall’inizio, riassumendo il tutto in un numero minore di episodi. Sarà una collaborazione Toei Animation e Netflix e dovrebbe essere in CGI. La regia è di Yoshiharu Ashino (già esperto di remake con la versione anime di Thundercats) ed è scritta da Eugene Son (Avengers: Secret Wars, Ultimate Spider-Man, Teenage Mutant Ninja Turtles). Tra i designer, Terumi Nishii (Una ragazza alla moda, Le Bizzarre Avventure di JoJo: Diamond Is Unbreakable) per i personaggi e Takashi Okazaki (Afro Samurai, Summer Wars).

Sembra proseguirà anche Next Dimension (uno dei prequel) con una nuova stagione.

Comments are closed.