Saint Seiya Live Action

Il film dei Cavalieri dello Zodiaco

» Un live action su Saint Seiya in arrivo nel 2018? – considerazioni sulla serie da allora ad oggi

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under News Saint Seiya Live Action,Other live action on settembre 12, 2017

Sembra confermato l’adattamento live action dei Cavalieri dello Zodiaco.
Toei Animation sta collaborando con la società di Hong Kong ARGF – A Really Good Film Company per produrre un film tratto dalla serie.
Dovrebbe esserci anche la supervisione di Masami Kurumada, l’autore del manga da cui è iniziato tutto.
Mentre il film in computer grafica, La leggenda del Grande Tempio, era una sorta di reboot per il pubblico più nuovo questo film sembra voler prendere un pubblico più ampio “è per il nostro zoccolo duro di fan che ha sostenuto Seiya per 30 anni e per la nuova generazione di fan”, queste le parole dell’autore e disegnatore.

Yoshi Ikezawa e Joseph Chou di Toei Animation saranno i co-produttori del live action, insieme a Jeffrey Chan di ARGF.
Tim Kwok di Convergence Entertainment, Miguel Faura e Kozo Morishita di Toei Animation saranno invece i produttori esecutivo che affiancheranno Masami Kurumada.
La regia sarà di Tomasz Bagiński, polacco non solo regista ma anche animatore, fra le varie cose nominato all’Oscar per il corto Katedra e noto per aver realizzato le intro della serie di videogame The Witcher, entusiasta di essere stato scelto vista la sua passione per gli anime.
L’unica attrice che troviamo su una teaser locandina su imdb è l’inglese Rose Williams, nota per la serie Reigns.

Ma facciamo un passio indietro, e vediamo la storia di Saint Seiya – I cavalieri dello Zodiaco.

Il manga best seller di Masami Kurumada è stato uscito per la prima volta in Giappone pubblicato da Shūeisha sul settimanale Shōnen Jump dal 1986 al 1990.
In Italia invece fu pubblicato da Granata Press 1992 per poi avere diverse ristampe (come nel 2000 da Star Comics).

Il successo mondiale arriva con la serie animata, diretta e animata da Shingo Araki, che lungo i vari episodi ci porta dal Grande Tempio, ad Asgard, fino a Nettuno. Sbarcando in Italia con Odeon TV nel 1990.
Negli anni a seguire si vedrà l’uscita di diversi lungometraggi animati (OAV – original anime video) e del seguito che troviamo prima nella serie di Ade per poi proseguire con la serie Omega.

Vanno avanti anche tantissime altre serie parallele, sia anime che manga, che si svolgono prima, dopo o durante la serie classica, fra cui Episode G, Lost Canvas, Soul of Gold, ecc.. E nel frattempo, sin dagli anni ’80, parallelamente troviamo un boom del merchandising, con gadget di tutti i tipi, fra cui spiccarono su tutti i modellini, fino all’arrivo del musical.

Nel 2008 per la prima volta era stato annunciato un film in Live Action, cioè con attori in carne ed ossa, sui Cavalieri dello Zodiaco.
Una produzione di Hollywood:
Hopes from the stars (letteralmente “speranze dalle stelle”).
Erano stati scelti attori importanti, c’era anche Tom Welling (il protagonista di Smallville) nel cast.
Il progetto è stato successivamente accantonato, e non più riproposto.
Ed ecco che poco tempo dopo, nel 2011, vediamo nascere su youtube un live action indipendente, prodotto da piccole case di produzione, fra cui Dream Factory Studio, Margot Production e altre.
E’ stato scelto per la regia Carlo Grotti Trevisan, che ha anche interpretato il personaggio di Andromeda. Fra gli altri protagonisti troviamo Rita Rusciano, Jonny Triviani, Alessandro Bruzzesi, Damiano Verrocchi e Giulia Carla De Carlo.
Tutto è stato girato in economia, e nessuno dello staff si aspettava quel successo che è arrivato a seguire:
dai numerosi articoli, agli inviti ai festival, al Lucca Comics in cui ogni anno venivano invitati per essere intervistati e proiettare gli ultimi episodi usciti. Poi la serie è comparsa su imdb, su wikipedia, e così via. Rimanendo sempre su youtube, e realizzando diverse milioni di visite. Tanto che Carlo e il suo staff è stato contattato da Mediaset per mandarlo in onda serializzato sulle proprie reti (purtroppo nonostante gli annunci ufficiali persino su mediaset.it, per problemi di diritti – la serie rimane  no profit, la televisione no – fu bloccata la messa in onda).
Tutte le puntate furono unite in un unico film, che fu proiettato al Cartoon Club del Rimini Comics, dopo un grande evento dedicato ai doppiatori italiani della serie, in cui Ivo De Palma, Tony Fuochi, Andrea De Nisco e Danja Cericola si sono ritrovati insieme, in questa reunion unica nel suo genere, chiamata “Sotto le stelle di Seiya” e conclusa con la proiezione del live action.
Un altro grande successo di questo prodotto indipendente è stato vedere che in diverse serie ufficiali, su tutti omega Omega, ci sono diversi riferimenti proprio a questo live action, un po’ come se fosse stato tenuto in considerazione nella cronologia degli eventi, nonostante appunto sia un prodotto non ufficiale e no profit.
Probabilmente il punto di forza è stato di creare un prodotto fedele, sia dal punto di vista narrativo che registico. Spesso quando gli americani adattano un’opera che “non made in USA” il risultato è un’incognita: a volte realizzano ottimi lavori, altre volte tendono ad americanizzare prodotti con una cultura differente” queste le parole del regista, che nel frattempo negli anni a seguire ha diretto produzioni importanti, come il videoclip dell’ex vincitore di Sanremo, Povia “Stare bene“.
E Saint Seiya – I cavalieri dello zodiaco è un prodotto che nasce orientale, e quindi con tanti risvolti della loro mentalità, ma soprattutto con tantissime influenze della cultura ellenistica e in generale europea, e la fedeltà ai ritmi della serie originale ha probabilmente rappresentato il successo principale di questo live action, l’unico fin’ora uscito, sui Cavalieri dello Zodiaco, che potete vedere sul canale youtube della webseries.
Grande attesa e curiosità quindi per il nuovo live action, di cui ancora non abbiamo una data, ma che sicuramente non uscirà prima del 2018.

Fra le varie cose è stata annunciata anche una serie per Netflix sui cavalieri dello Zodiaco, che dovrebbe ripercorrere la serie fin dall’inizio, riassumendo il tutto in un numero minore di episodi. Sarà una collaborazione Toei Animation e Netflix e dovrebbe essere in CGI. La regia è di Yoshiharu Ashino (già esperto di remake con la versione anime di Thundercats) ed è scritta da Eugene Son (Avengers: Secret Wars, Ultimate Spider-Man, Teenage Mutant Ninja Turtles). Tra i designer, Terumi Nishii (Una ragazza alla moda, Le Bizzarre Avventure di JoJo: Diamond Is Unbreakable) per i personaggi e Takashi Okazaki (Afro Samurai, Summer Wars).

Sembra proseguirà anche Next Dimension (uno dei prequel) con una nuova stagione.

» Saint Seiya Rebirth – un videogame gratuito dal titolo omonimo alla nostra serie

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Media on maggio 19, 2016

Da questo sito

http://u.360.cn/sdsxscs

potete scaricare un rpg gratuito per Pc e per cellulare (sia Android che iPhone), il gioco ripercorre le fasi salienti di tutta la serie, e sembra molto interessante.

La cosa divertente è che ha lo stesso titolo della nostra webseries, cioè Saint Seiya Rebirth!

» Saint Seiya Rebirth trionfa al World Web Independent Awards

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under News Saint Seiya Live Action on novembre 5, 2015

Saint Seiya Rebirth trionfa al festival mondiale “World Web Independent Awards” vincendo nella categoria fan film il premio nazionale (per l’Italia), quello continentale (per l’Europa) e quello mondiale.

E sono già usciti alcuni articoli a riguardo:

http://www.newsrimini.it/2015/11/regista-riminese-premiato-agli-oscar-dei-video-sul-web/

http://www.altarimini.it/News82893-regista-riminese-vince-premio-internazionale-con-la-sua-serie-sui-cavalieri-dello-zodiaco.php

http://www.romagnanoi.it/video/1222337/Un-regista-riminese-stella-dei-web.html?refresh_ce

» Saint Seiya Rebirth è sul primo numero di Comics Sans!

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Media on agosto 19, 2015

E’ appena uscito il primo numero Comics Sans, la nuova rivista creata da Cristian Nencioni. In questo primo numero nella rubrica dedicata ai progetti indipendenti si è parlato in ben 4 pagine proprio di Saint Seiya Rebirth in un articolo molto interessante.

Potete scaricare online la rivista a questo indirizzo
http://www.viaggionelsogno.net/catalogo.html

Comics Sans nasce con la voglia di dare un nuovo, giovane contributo al fumetto italiano attraverso ottimi nuovi autori, sceneggiatori, disegnatori, e grafici.
E’ bello vedere tanti talenti in giro per la rete , che si fanno pubblicità attraverso i social , ma tutto è alle volte dispersivo e io ho voluto raccogliere in questo magazine i più bravi autori che ho conosciuto incontrato (celebri ed emergenti).
La ricerca è ancora in fibrillazione e continua, e spero che tanti altri nuovi artisti si uniranno a noi, intanto penso che sarete piacevolmente rapiti e colpiti da chi vi presentiamo in quetso primo numero.
Artisti molto diversi tra loro che contribuiscono a rendere unica la fanzine, ed ognuno di loro come fosse una meravigliosa sfumatura del grande affresco che è IL FUMETTO ITALIANO E MONDIALE.
Comics Sans è stato pensato come fanzine digitale gratuita, ma molti contenuti alternativi ed altrettanto interessanti li trovate sul nostro sito e sulla pagina ufficiale facebook (/comicssansfanzine).
Siamo un bel numero di persone ma altrettante e ancora con più innumerevoli talenti ne stiamo cercando, chiunque fosse interessato può scriverci attraverso la nostra pagina facebook grazie alla posta privata della pagina, oppure all’indirizzo email: cristiannencioniofficial@gmail.com saremo io e le altre persone responsabili che ci impegneremo a prendere da subito contatto con voi e iniziare quest’avventura insieme!
Vi Aspettiamo!

» Intervista a Erika Antoniazzi – la traduttrice de “La leggenda del Grande Tempio”

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under News Saint Seiya Live Action on aprile 30, 2015
Oggi intervistiamo Erika Antoniazzi, la traduttrice de “La leggenda del Grande Tempio”, traduzione quindi da “Legend of Sanctuary”, questo il titolo originale da cui è stata tradotta l’opera.
Ciao Erika,
abbiamo avuto modo di apprezzare il film in computer grafica, dedicato ai Cavalieri dello Zodiaco, dal titolo “La leggenda del Grande Tempio”,
e tu sei niente meno che la traduttrice. Com’è stato lavorare a questo film?
E’ stato a dir poco fantastico, un lavorone enorme ma che mi ha regalato tantissime soddisfazioni. La mia conoscenza del mondo dei Cavalieri si era fermato alla mia infanzia, quando seguivo qualche puntata all’ora di pranzo. Ma grazie al film mi sono fatta una cultura. Si pensa che per noi che lavoriamo dietro le quinte sia “solo” un lavoro come tanti. Sono convinta invece che ci debba essere la giusta curiosità di capire su cosa si sta lavorando e apprezzarlo.
Ho seguito anche alcuni turni di doppiaggio, osservando e imparando da come lavorano i miei colleghi più grandi. E sono grandi in tutti i sensi.
I dialoghi sono stati adattati da Ivo De Palma (per chi non lo sapesse l’adattamento consiste nel rendere la traduzione letterale coincidente e a sincro con il labiale dei personaggi che parlano, mantenendone invariato il senso), i vostri due ruoli sono stati quindi fondamentali per questa edizione. Come è stato lavorare con un maestro del doppiaggio italiano, qual’è Ivo?
Prima che essere un maestro del doppiaggio è il mio maestro. Ricordo l’emozione della prima volta che l’ho incontrato, mi ha condotto letteralmente per mano alla realizzazione del mio sogno di diventare doppiatrice. E’ stata una grande collaborazione, seguendo i suoi consigli sono riuscita in questa impresa.
Quando avevo qualche dubbio, mi ha aiutato con pazienza. Sapere che lui avrebbe curato l’adattamento e che quindi avrebbe adattato ciò che io stavo traducendo mi ha spinto a dare il massimo, a controllare anche il più piccolo dettaglio.
Il giapponese è una lingua affascinante, parte di una cultura che fin dall’antichità si differenzia non poco dalla nostra, come dimostra appunto il modo così diverso di scrivere. E’ difficile tradurlo? Com’è stato l’approccio a questa lingua?
Da ragazzina ho amato diversi anime giapponesi, che mi hanno spinto a studiarne prima i disegni e poi la cultura. Appena iscritta all’università ricordo che la nostra lettrice di giapponese ci ha dato un foglio con due dei tre alfabeti da imparare per il giorno successivo. Alla seconda lezione da 100 che eravamo siamo rimasti in 50. E’ una lingua complessa, con caratteri e costruzione della frase diversi dai nostri. In più si aggiunge la complessità dei caratteri cinesi. Conoscerli tutti è impossibile, quindi quando sono stata in Giappone nel 2009 mi sono comprata il dizionario elettronico, mio fedele compagno di avventure nella traduzione. Più che una lingua è un modo di pensare e come tale ci si deve immergere completamente. Un’ulteriore complessità sono le forme contratte che usano nel parlato e le distinzioni tra il linguaggio maschile e femminile, tante variabili che vanno considerate ai fini della traduzione.
Insomma, il primo approccio è soprattutto visivo, perchè questa scrittura è prima di tutto bella e affascinante. Per me è una passione vera e propria più che un lavoro.
Spero che continui di pari passo con l’altra mia passione e lavoro, cioè il doppiaggio.
Tu sei una giovane traduttrice, ma hai già lavorato ad un film importante come questo, per Lucky Red, come ci si sente?
Non sono il tipo di persona che si vanta delle cose che realizza, ma sono felicissima di aver partecipato a questo film. La soddisfazione più grande è vedere i miei genitori felici di quello che sto realizzando. Mi hanno seguito sempre e appoggiata nei miei progetti, sin da quando mi permettevano di andare in sala a 12 anni, fino a permettermi di andare in Giappone. E’ stato un lavoro davvero importante sia per me che per loro, anche per i colleghi. Nonostante sia il lavoro di traduttrice sia quello di doppiatrice si svolgano “nell’ombra” mi sono sentita parte di qualcosa di grande, un meccanismo che ha potuto funzionare grazie a quello che traducevo.
So che da un anno a questa parte ti sei avventurata anche nel mondo del doppiaggio, partendo sempre con ivo come maestro, come ci dicevi, com’è nata l’idea di fare la doppiatrice? come traduttrice sono già arrivati degli evidenti successi come questo, e col doppiaggio come procede?
Sogno di fare la doppiatrice da quando avevo 12 anni. Da allora quando potevo andavo  a seguire i turni grazie a una doppiatrice che mi faceva seguire con lei. Mi sono allenata per conto mio facendo fandub a casa, finché dopo l’università  mi sono decisa a fare sul serio. Ho frequentato i corsi con Ivo e ho inziato a fare avanti e indietro da Milano. Il primo ruolo da protagonista  l’ho ottenuto l’anno scorso in “Junior Masterchef USA” doppiando Dara. Sono stata lanciata in questo mondo e non potrei essere più felice, poi sono arrivati i due film che ho tradotto, altri doppiaggi e ora seguo un cartone per bambini. Ogni passo che ho compiuto mi invoglia a compierne altri e ogni collega che incontro mi insegna qualcosa di nuovo. Un lavoro senza dubbio stimolante che non cambierei con nessun’altro lavoro al mondo.
Cosa ne pensi della nostra serie no profit, in live action, tratta dai Cavalieri dello Zodiaco?
Trovo che sia un progetto fantastico, insomma, i Cavalieri in carne ed ossa! Ho letteralmente divorato il primo episodio e sono certa che anche gli altri non saranno da meno. Niente da invidiare ai live action giapponesi. Sono davvero contenta che sia un progetto tutto italiano, vanta diversi sottotitoli e un pubblico molto vasto.
Essendo conosciuti in tutto il mondo, è diventata una sorta di linguaggio universale che comprende l’intero fandom. La trovo una cosa a dir poco straordinaria.
Sei mai stata in Giappone? Se sì, cosa ti è maggiormente piaciuto?
Ci sono stata due volte grazie a un progetto tra la mia università e la città di Kanazawa, nella prefettura di Ishikawa. Un’esperienza a dir poco meravigliosa, e non parlo solo come amante degli anime. Ho conosciuto persone meravigliose a cui sono molto affezionata. Stavo in home stay presso una famiglia che abita a qualche chilometro dalla scuola che frequentavo. Mi manca ogni cosa del quartiere dove stavo, a partire dal fiumiciattolo dietro casa, alla bicicletta che prendevo tutte le mattine, al trenino sempre in orario e se possibile pure in anticipo. Possono sembrare cose molto “normali”, ma sono proprio le piccole cose che mancano. Ho avuto anche la possibilità di viaggiare con il mio gruppo, ho potuto vedere le maggiori città del paese, Tokyo, Kyoto, Osaka, Okinawa. Grattacieli altissimi e metropoli sempre in movimento. Ricordo con piacere i templi nel mezzo della città, piccole oasi di pace e natura. Ma anche il profumo dell’oceano e della cucina locale.
Spero di tornarci presto un giorno.
Hai progetti per il futuro?
Per ora il mio progetto più grande è affermarmi come doppiatrice. Il mio sogno è doppiare una principessa Disney e tradurre un film di Miyazaki. Forse è un pò troppo!
Questo per farvi capire quanto sono ambiziosa! Ho sognato per oltre un decennio di doppiare in una sala vera e quando è successo non ci potevo credere. Ma questo è il bello, sognare una cosa e realizzarla. Insomma, continuare su questa strada e non fermarmi mai!
Ti ringraziamo Erika per il tempo che ci hai dedicato, con l’augurio che i tuoi lavori e i tuoi sogni si realizzino il prima possibile, a presto!
Grazie a voi e a prestissimo!

» Articoli su ultimo episodio

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under News Saint Seiya Live Action on marzo 17, 2015

Con piacere condividiamo i link agli articoli che ci hanno dedicato sull’uscita dell’ultimo episodio: 

http://www.cinefilos.it/cinema-news/2015b/saint-seiya-rebirth-lultimo-episodio-sub-ita-video-203077
 

http://seesound.it/primo-piano/saint-seiya-rebirth-in-arrivo-la-seconda-serie-69741.html

 

http://www.orgoglionerd.it/news/2015/03/saint-seiya

 

http://it.anygator.com/articolo/saint-seiya-rebirth-l%E2%80%99ultimo-episodio-sub-ita-[video]__3112460

Negli articoli leggerete che è in arrivo una nuova serie. Per quanto sia vero, è una sorta di gag ai “danni” del regista, Carlo Trevisan. In quanto lui non ne sapeva niente. Simon e altri ragazzi un po’ per scherzo, un po’ per convincerlo a lavorare veramente alla second season, hanno deciso di scrivere un comunicato stampa dove si annuncia che ci sarà.
Carlo, ormai non puoi più tirarti indietro, il pubblico vuole la serie, e anche noi che siamo i tuoi collaboratori la vogliamo!

» Saint Seiya Live Action – episode 7 – english subs

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Media,News Saint Seiya Live Action on marzo 15, 2015

Ed ecco l’edizione speciale, con sottotitoli in inglese, del settimo ed ultimo episodio della nostra web series.

Light vs Darkness part 2

» Nuovi myth cloth

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Armor Cloths on marzo 13, 2015

E’ da un po’ di tempo che non aggiorniamo le uscite dei myth cloth, e ce ne sono state diverse interessanti.

Su tutti sicuramente Micene di Sagitter (Aiolos Sagittarius) con l’armatura di Legend of Sanctuary (cioè del film in computer grafica La leggenda del Grande Tempio).

Seguono Saga di Gemini, sempre da Legend of Sanctuary e Pegasus.
Per l’ennesima ri-colorazione di modelli già esistenti, troviamo la versione ex di Gemini, riproposto con i colori di Legend of Sanctuary (ma non l’armatura, solo i colori).

In uscita numerosi myth cloth anche di Omega, dei personaggi principali. Da segnalare anche una serie parallela, prodotta da Galactic Nebula, dove viene proposto il myth cloth di Libra, molto più economico ma interamente in plastica, con l’interessante aggiunta del volto intercambiabile di Genbu, il cavaliere d’oro della bilancia di Omega.

Molto carina, sempre proposta da questa marca parallela, anche la versione di Mur dell’ariete, che include il volto intercambiabile di Kiki, cavaliere d’oro dell’ariete sempre in Omega.

» Nuove serie in arrivo: Saintia Sho e Soul of Gold

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Other live action on marzo 10, 2015

Sono state annunciate due nuove serie dedicate ai Cavalieri dello Zodiaco, entrambe in arrivo.

La prima è  Saintia Sho, uno spin off in cui troviamo delle guerriere impegnate a combattere contro una nuova minaccia. Temporaneamente questo manga è collocato subito dopo la sconfitta di Gemini. Riprende l’Oav di Eris, la dea della discordia. E’ infatti lei la principale minaccia contro cui combattono.

Non è chiaro se le guerriere, come stabilisce la storia classica, siano sacerdotesse. In quanto nell’universo “ufficiale” di Saint Seiya una donna per diventare cavaliere deve diventare una sacerdotessa (il che implica indossare una maschera, oltre ad altre cose che i fans conoscono, come la scelta di uccidere o innamorarsi dell’uomo che le vedrebbe senza maschera).
Questa scelta quindi, sembra incompatibile con la serie classica, rendendo così questa serie uno spin off rispetto alla storia.

Il manga in Italia dovrebbe uscire questo Aprile mentre in Giappone sono già usciti alcuni numeri.

L’altra opera imminente è Saint Seiya Soul of  Gold.
Dalle immagini vediamo subito un forte richiamo ad Episode G, trovando una storia molto probabilmente incentrata sui cavalieri d’oro e soprattutto su Aioria, cavaliere del leone, che potete vedere in questo teaser, indossare una nuova armatura:

La serie sarà diretta da Takeshi Furuta, già storyborder di Saint Seiya Omega. Il character designer è lo stesso di B’tX, anime uscito diversi anni fa che riprendeva l’omonimo manga di Kurumada; e anche di tante altre opere molto conosciute, come Lupin III, Lamù, Fushigi Yugi, Yu-Gi-Oh.

Grande assente è Michi Himeno, storica collaboratrice del mitico Araki, probabilmente perché impegnata sul nuovo Pachinko dedicato a Saint Seiya.Le musiche saranno affidate a Toshihiko Sahashi, già compositore di Omega.

Nulla è svelato sulla storia, probabile che sia uno spin off, simile ad Episode G, in cui i cavalieri d’oro combattono una battaglia a parte rispetto alla saga di Pegasus e compagni.

Da segnalare anche la maestosa armatura del cavaliere del leone, presente al Tamashi Nation 2014 che trovate nella gallery (foto di sonix2011).

» Un’altra ispirazione per Omega

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Other live action on marzo 8, 2015

Ho scoperto con piacere, che, fra le varie ispirazioni che abbiano fornito, in maniera involontaria e non ufficiale, per la creazione della nuova serie Omega (e a detta di alcuni fans, anche per il film La leggenda del grande tempio, magari faremo più avanti una sezione) ne è saltata fuori un’altra:

Andromeda indossa nella serie originale, del 1986, una maglietta di colore verde.

Nella nostra serie, uscita nel 2011, abbiamo deciso di fargli indossare una camicia, di colore verde.

E ora Omega, uscita tre anni dopo, lo mostra con una camicia, come se avesse citato la nostra serie!

Siamo veramente onorati di questa, unitamente alle altre citazioni. Perchè noi, come come la maggior parte di voi lettori sapranno, siamo una serie no profit, nata per omaggiare la serie originale diventandone il sequel non ufficiale in live action.

E oggi scopriamo che nella serie Omega, serie ufficiale che si svolge 20 anni dopo la saga clasica (sorvolando quindi il periodo trattato nel nostro sequel), queste citazioni ci fanno capire che siamo stati osservati, e che le nostre idee sono piaciute.

» Recensione su Kaints blog

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under News Saint Seiya Live Action on marzo 8, 2015

FanMovie Made in Italy ecco Saint Seiya Rebirth.
Come sapete qui si parla spesso di Anime (i cartoons Giapponesi), ho anche parlato di cosplayer e di alcune produzioni Italiane Fan Made, ovvero create da fan di un particolare “Cartone Animato”.

Oggi vi parlo di una produzione basata sui Cavalieri dello Zodiaco dal titolo Saint Seiya Rebirth (2011).

Nel sito ufficiale potete trovare tutti i vari “capitoli” (video) e anche una lista di collaborazioni eccellenti, vi propongo un breve passo tratto dalla FAQ del progetto:

“Fra l’altro gli episodi sono piaciuti molto a diversi addetti ai lavori, fra cui Stefano Cerioni, storico dialoghista e adattatore della serie, oltre ai vari doppiatori che ci hanno lavorato.Il film è stato scritto da appassionati della serie e diretto da Carlo Trevisan(regista indipendente, e grande appassionato della serie e del genere action/sci-fi/fantasy in generale).

Gli interpreti vanno da attori dilettanti fino ad attori professionisti noti, fra i quali ricordiamo Damiano VerrocchiJonny TrivianCarlo Gavazzi
Inoltre tutti gli attori sono stati doppiati da grandi doppiatori italiani, a parte Rita Rusciano che è l’unica a doppiare se stessa, in quanto doppiatrice oltre che attrice, ricordiamo principalmente: Ivo De PalmaAndrea De NiscoPaolo De SantisMario ZuccaGigi RosaDavide GarbolinoMarco BenedettiPatrizia Salmoiraghi,Anna Bonel, e tanti altri.”

Il Progetto ha inoltre un canale su Youtube dove c’è anche la sigla “Pegasus Fantasy” che vi ripropongo subito eheh:

Spero di poter parlare ancora di altre produzioni Italiane Fan Made, adoro tutto quello in cui si nota passione e voglia di fare e poi dai ragazzi… è un Made In Italy ;)

Vi lascio con il link al sito ufficiale dove visionare i vari video «http://www.saintseiyaliveaction.com/»

P.s.: Carina l’idea di Cariddi eheheh (guardate i video per capire :P ).

L’articolo originale e il blog, molto interessante, potete trovarlo a questo link

http://kaints.blogspot.it/2015/03/saint-seiya-rebirth-di-carlo-trevisan.html

» Saint Seiya Rebirth… L’imitazione!

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Other live action on febbraio 25, 2015

Un saluto ai lettori delle nostre news.
Come sapete, e com’è già capitato in passato, ci fa piacere condividere altri lavori dedicati a Saint Seiya, che ci vengono inviati o trovati in giro per il web, anche altri live action. La passione che ci accomuna per questa serie è un qualcosa di bello.

Non ci piace però, sinceramente, chi copia in maniera spudorata il lavoro artistico di qualcun’altro.
Lungi dall’essere arrabbiati, non è nemmeno un nostro marchio, quindi si tratta di un lavoro no profit, ma il fastidio quando ti copiano qualcosa, risulta una sensazione inevitabile.
Esiste un progetto in corso su un altro live action, di cui abbiamo visionato il pilot, che sembrava carino, ma soprattutto diverso dal nostro.
Purtroppo ci siamo accorti, col progredire del progetto, che stanno in gran parte non solo copiando la storia, ma persino le location e le inquadrature, come potete vedere per esempio nell’immagine (ingrandite per vedere il confronto).

Non pubblicherò link o quant’altro, una pubblicità all’interno del nostro sito, in termini di visibilità gli varrebbe più di tutta quella che hanno fatto sin’ora.
Pensate che hanno persino tentato di raccogliere dei fondi con indiegogo (violando le policies del sito, in quanto non si possono per regola raccogliere fondi per un progetto su un marchio già registrato), ma i 6€ guadagnati su 35mila di obiettivo, non ha evidentemente preoccupato nessuno ai piani alti delle società che tutelano i diritti dell’opera e ha dimostrato che l’interesse verso questo loro progetto è molto basso.
Non so che tipo di soddisfazione o gratificazione possa essere dato dalla copia di un altro prodotto, oltretutto no profit come il nostro. Anzi a dirla tutta, la maggior soddisfazione possiamo averla noi, dato che di solito si copiano le cose riuscite bene…
Come abbiamo detto, avremmo pubblicato con piacere il link, dopo aver visto anche il piacevole e interessante primo episodio, ma avendoci il regista stesso contattato per chiederci dei consigli, per poi copiarci con tale nonchalance, non ne varrebbe  proprio la pena.

Ci auguriamo che questa news arrivi allo staff dell’opera, facendoli riflettere su quanto sarebbe più divertente, appagante e anche dignitoso, creare una storia originale, con nuove inquadrature e  location diverse, e non ricalcare tutto su qualcosa di già esistente.

» La leggenda del Grande Tempio – clip esclusiva

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Other live action on dicembre 29, 2014
Ed ecco la prima clip esclusiva direttamente dal nuovo film in cg tratto da I cavalieri dello Zodiaco.
Qui vediamo il “remake” in computer grafica e con le nuove armature dello scontro fra Pegasus e Aldebaran, il cavalieri del toro.

fonte
http://www.gazzetta.it/Sportlife/Cinema/28-12-2014/al-cinema-ritorno-de-cavalieri-zodiaco-clip-esclusiva-pegasus-100332400126.shtml

» Ivo De Palma parla de “La leggenda del Grande Tempio”

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Other live action on dicembre 24, 2014

Ivo De Palma, non solo è l’eccellente doppiatore di Pegasus, ma conosce perfettamente tutti i segreti del film.
La sua preparazione fa notare che oltre alla parte artistica, vi è anche una vera e propria passione per le serie, per i personaggi e per questo lungometraggio. Ma non solo, una cultura generale che spazia dall’astrologia, alla storia alla cultura underground.
Attenzione perchè contiene alcuni spoiler, ma è molto interessante da vedere per tutti i fans

» I CAVALIERI DELLO ZODIACO – DALL’8 GENNAIO AL CINEMA – Trailer Ufficiale

» Posted by ShunAndromeda, » Filed under Other live action on dicembre 20, 2014

Dall’8 gennaio finalmente vedremo il film in computer grafica tratto da Saint Seiya – I cavalieri dello zodiaco.
Una piacevole sorpresa è stata la rivisitazione della nota sigla di Massimo Dorati della prima serie.